Share Button

Il risarcimento diretto è applicabile solamente in sinistri avvenuti tra due veicoli a motore identificati ed assicurati per la responsabilità civile obbligatoria, dal quale siano derivati solo danni ai veicoli coinvolti o alle cose trasportate di proprietà e il solo danno alla persona di lieve entità (fino a 9 punti di invalidità) subito dal conducente non responsabile, come da tabella fissata con Decreto, ogni anno, dal Ministero dello Sviluppo Economico. 

In tali casi, la richiesta di risarcimento è avanzata direttamente al proprio assicuratore, mentre negli altri casi la domanda andrà rivolta all’Ass.ne del veicolo responsabile (se identificato e se avvenuto in Italia; altrimenti subentrano altri enti: ISVAPCONSAP – presso cui è istituito il FGVS – e UCI).

SUGGERIMENTI UTILI IN CASO DI SINISTRO:

Far intervenire le autorità e l’ambulanza, se necessario.

Cercare testimoni.

Compilare il CAI (CID) con cura, attenzione ed eventualmente facendosi rilasciare una dichiarazione firmata dal responsabile, con precisa ammissione di colpa).

In caso di dolori persistenti recarsi al Pronto Soccorso.

Conservare tutta la documentazione utile, sanitaria e non.

Le parti possono liberamente scegliere di farsi assistere da un legale senza costi aggiuntivi: le spese legali stragiudiziali saranno liquidate nel risarcimento dall’assicurazione (talvolta, in rari casi di liquidazione entro i 60 giorni ciò non avviene, ma tale impostazione è contraria all’orientamento della Giurisprudenza prevalente).

Link alle istruzioni dell’ISVAP per sinistri con risarcimento diretto (art. 149 Cod. Ass.ni Private):

http://www.isvap.it/isvap_cms/docs/F12996/risarcimento%20diretto.pdf

Il testo completo del Codice delle Assicurazioni Private (D.Lgs. 209/2005):

http://www.isvap.it/isvap_cms/docs/F9461/CAP_annotato.pdf